Vicenza da vivere in dieci tappe simboliche

Posted
0Comment(s)

Vicenza – cosa vedere in un giorno?

Se sei alla ricerca del fascino elegante del Veneto, Vicenza ti stupirà: qui si respira un’atmosfera particolare, antica e cosmopolita allo stesso tempo. Un vero gioiello ai piedi delle Prealpi Venete, di fronte al Monte Berico, una collina ricoperta da cipressi che incorniciano la città.

Ecco Vicenza da vivere in una giornata con 10 tappe che non puoi farti mancare.

Piazza dei Signori, il salotto di Vicenza

Piazza dei Signori era il luogo dell’antico foro romano, con due colonne di epoca veneziana e la snella Torre di Piazza, una torre difensiva costruita nel 1174.

Di fronte alla Basilica Palladiana, che occupa un intero lato della piazza, si trova la Loggia del Capitaniato, oggi parte del Palazzo Comunale.Era la residenza del governatore veneziano, iniziata da Palladio nel 1571 e citata come parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. In contrasto con la facciata in pietra bianca e in gran parte priva di decorazioni della basilica di fronte, la loggia è riccamente decorata con intagli e colori contrastanti.

Museo Palladio, un viaggio nella vita di Palladio

Il Palazzo Barbarano, che ospita il Museo Palladio, è una delle più belle residenze urbane palladiane. Il museo accompagna i visitatori in un viaggio emozionale nella vita di Andrea Palladio e nell’epoca in cui visse, alla scoperta dei capolavori palladiani della regione Veneto.

Tra i capolavori che sorgono nel centro di Vicenza non puoi farti mancare il Teatro Olimpico e la Basilica Palladiana, i due simboli iconici di Vicenza, di cui abbiamo già parlato nei nostri precedenti articoli.

Il Teatro Olimpico, il più antico teatro coperto al mondo

Inaugurato il 3 marzo 1585, il Teatro Olimpico di Vicenza, progettato da Palladio, è il più antico teatro coperto del mondo. Il suo design si ispira ai teatri greci e romani dell’antichità. Durante la stagione primaverile il teatro ospita festival di musica classica, a maggio ospita alcuni concerti di New Conversations Vicenza International Jazz Festival. Mentre in autunno è sede del prestigioso Ciclo di Spettacoli Classici, che è una serie di spettacoli teatrali dedicati al teatro classico ospitati dal 1934.

La Basilica Palladiana, cuore e anima laica della città

Questo edificio simbolo di Vicenza è il cuore e anima della città, è stato inserito dall’UNESCO tra i Patrimoni dell’Umanità. Si erge maestoso sul lato sud di Piazza dei Signori. Al primo piano della Basilica Palladiana si trova la grandiosa Sala del Consiglio, lunga 52 metri e alta 25; in questa sala si tengono tipicamente eventi e mostre temporanee. Salendo all’ultimo piano si accede alla splendida terrazza che offre uno dei migliori punti di vista sulla città e sul suo territorio.

La Basilica Palladiana però non è una basilica nel vero senso della parola: leggi qui le curiosità su Vicenza e sulla Basilica Palladiana.

La Cattedrale di Santa Maria Annunciata lungo secoli di storia

A pochi minuti a piedi dalla Piazza dei Signori, la Cattedrale di Santa Maria Annunciata è il principale luogo di culto cattolico della città di Vicenza e sede della diocesi cittadina. Risalente alle origini paleocristiane, la chiesa si presenta come un imponente edificio tardo-gotico. Ricostruita più volte, Andrea Palladio ha progettato la cupola, la porta d’ingresso sul lato nord e la Cappella Almerico. Le sue fondamenta presentano diversi metri quadrati di rovine risalenti all’epoca romana e al Medioevo.

Il tempio di San Lorenzo, un gioiello gotico-romanico

In una città che è diventata sinonimo di architettura palladiana, questa imponente chiesa francescana della fine del XIII secolo offre una prospettiva diversa, su come venivano progettati gli edifici nel Medioevo. Il capolavoro gotico-romanico costruito dai monaci francescani nel XIII secolo merita sicuramente una visita. Questa chiesa si presenta al visitatore con un decorato portale in marmo e un corpo allungato.

Il Museo Civico di Palazzo Chiericati, capolavoro di Palladio

Il palazzo, progettato nel 1550 per Girolamo Chiericati, è uno dei più grandi capolavori di Andrea Palladio ed è incluso nel patrimonio mondiale dell’UNESCO. Impreziosito da affreschi e stucchi, ospita una delle più prestigiose collezioni civiche europee di dipinti, sculture e arti applicate dal XIII al XX secolo.

Palazzo Leoni Montanari, luogo d’incontro e collezioni

Il Palazzo Leoni Montanari è un palazzo tardo-barocco situato in Contra’ San Corona. Oggi ospita sale espositive, luoghi d’incontro e collezioni d’arte. Ospita tre importanti collezioni: una collezione di vasi magno-greci, una collezione di arte veneta del Settecento e la collezione di icone russe, considerata la più importante raccolta di arte sacra russa conservata in Occidente. Di particolare interesse è anche la Caduta degli Angeli Ribelli di Agostino Fasolato, una scultura composta da sessanta figure scolpite in un unico pezzo di marmo di Carrara.

Chiesa di Santa Corona e la Cappella Valmarana dove riposa Palladio

La chiesa gotica di Santa Corona fu costruita nel XIII secolo per ospitare una reliquia sacra, una spina della Corona di Spine di Cristo, e contiene diversi dipinti degni di nota. Il Battesimo di Cristo di Giovanni Bellini, del 1500 circa, si trova sopra il quinto altare a sinistra, mentre sul terzo altare a destra si trova l’Adorazione dei Magi del Veronese.

Ma ciò che attira la maggior parte dei visitatori è la Cappella Valmarana del 1576, una cappella che si ritiene sia stata progettata da Andrea Palladio, che è sepolto nella chiesa.

Corso Palladio, tra architettura e shopping

Poco a nord-ovest di Piazza dei Signori si trova la via principale di Vicenza, il Corso Andrea Palladio, fiancheggiato da palazzi, alcuni dei quali progettati dal Palladio. A metà strada si trova il bel Palazzo del Comune, progettato da Vincenzo Scamozzi e costruito all’inizio del XVII secolo. A nordest si trova il gotico Palazzo Da Schio, noto come la Cà d’Oro.

Il Corso termina in Piazza Castello, dove si trova la Porta Castello. A sinistra, sul lato corto della piazza, l’incompiuto Palazzo Porto-Breganze, probabilmente progettato da Palladio e costruito da Vincenzo Scamozzi intorno al 1600.

Corso Andrea Palladio non è solo uno spettacolo per gli amanti dell’architettura rinascimentale, ma è anche il luogo dove fare shopping a Vicenza. Potrai dilettarti tra stilisti italiani e marchi internazionali, boutique e negozi di gastronomia, oltre che a numerosi caffè e ristoranti di cucina tipica.


Alcuni consigli di viaggio:

Dove pernottare

Dove mangiare: